“A-Team”: 8 curiosità sul gruppo di mercenari più famoso degli anni ’80

letture
Nessun commento
A-Team

“… Ma se avete un problema che nessuno può risolvere – e se riuscite a trovarli – forse potrete ingaggiare il famoso A-Team“. Eh sì, negli anni ’80 sulla tv imperversavano le avventure di un gruppo di ex-combattenti del Vietnam, braccati dalla polizia militare per un reato che non hanno commesso.

Mercenari, ma dal cuore buono, versione moderna di Robin Hood & Co. , con sparatorie e inseguimenti a bordo del mitico furgone GMC Vandura nero e grigio, con 2 strisce rosse laterali: George Peppard (il colonnello John “Hannibal” Smith, sigaro e guanti neri, il capo che adorava i piani ben riuscivi); Dirk Benedict (il tenente Templeton “Sberla” Peck, il belloccio della compagnia); Dwight Schultz (il capitano e pilota di aerei James “H.M.” Murdock, dove H.M. sta per Howling Mad, ovvero “Ululato Pazzo”); Mr. T (il sergente Bosco Albert Baracus, il “Pessimo Elemento” che aveva paura di volare). Qui potrete trovare 10 curiosità sul telefilm cult creato da Frank Lupo e Stephen J. Cannell, uno dei fiori all’occhiello della NBC, andato in onda dal 1983 al 1987.

1) La sigla A-Team si riferisce indirettamente agli “A-Teams“, che altri non sono che gli ODA, Operational Detachments Alpha (Distaccamenti Operativi Alfa).

2) George Peppard pensava che la presenza di personaggi femminili in un telefilm d’azione fosse, come dire, inutile, e non ne fece mistero né con le dirette interessate (Melinda Culea e Marla Heasley, che si diedero il cambio nel ruolo di una fantomatica giornalista al seguito dei nostri eroi) né con i produttori, che nella terza serie accontentarono il Colonnello e fecero tabula “rosa” al cast.

3) Si disse che tra George Peppard e Mr. T non corresse buon sangue, anzi. “Hannibal” non digeriva il fatto che il collega guadagnasse più di lui, il protagonista maschile di “Colazione da Tiffany”.

4) Tante le guest star apparse nel corso degli anni, ricordiamo Boy George e i Culture Club, Hulk Hogan e altri miti del wrestler, che danno 4 giri e poi gettano la chiave alle figurine di adesso (i British Bulldogs, Ricky “The Dragon” Steamboat, Bobby “The Brain” Heenan, Davey Boy Smith, Greg “The Hammer” Valentine e Big John Studd… da lacrime).

5) La serie è nata da un’idea dell’allora presidente della NBC, Brandon Tartikoff, che prese spunto e forma da due film, “Quella sporca dozzina” e “Interceptor – Il guerriero della strada (Mad Max 2)”.

6) In ogni puntata, Mr. T indossava qualcosa come 18 chili d’oro. Suoi.

7) Tre membri del cast, George Peppard, Eddie Velez e Mr. T, sono stati davvero degli ex soldati: il primo nei Marines, il secondo nell’Aeronautica e il terzo nella polizia militare.

8) Il tema dell’A-Team – una marcetta militare, alquanto ripetitiva a dire il vero – venne composto da Mike Post e Pete Carpenter, autori anche delle sigle di “CHiPs”, “Magnum P.I.” e “Riptide”.

Lascia un commento