È morto Andrea Camilleri, scrittore e maestro e racconta storie senza tempo

E’ morto Andrea Camilleri, è stato uno scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante italiano. Ha insegnato regia all’Accademia nazionale d’arte drammatica. La mattina del 17 giugno 2019, Camilleri è stato ricoverato all’ospedale Santo Spirito di Roma per un arresto cardiorespiratorio.

Giunto in condizioni critiche, viene ricoverato, in prognosi riservata, nel reparto di rianimazione. Il creatore del commissario Montalbano è stato colpito dal malore mentre si stava preparando a partecipare con la sua Autodifesa di Caino il 15 luglio allo spettacolo che si sarebbe tenuto alle antiche Terme di Caracalla.

Il 17 giugno 2019 viene ricoverato per un arresto cardiaco all’ospedale Santo Spirito di Roma, dove è deceduto il 17 luglio dello stesso anno senza mai aver ripreso conoscenza.

Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio cunto passare tra il pubblico con la coppola in mano“. Così rispondeva Andrea Camilleri a chi gli chiedeva come mai a 93 anni non si fosse ancora deciso ad andare in pensione, come mai nonostante gli occhi che da tempo si erano spenti, continuasse a impastare realtà e fantasia in quella sua lingua eccezionale, il vigatese, che non aveva alcun corrispettivo nella realtà ma che finiva per essere più concreta che mai.

Lascia un commento