Fight Club tra anziani in un ospizio: lo organizzavano tre infermiere

Fight club

D’accordo, la prima regola del Fight Club è “Non si parla del Fight Club” però stavolta, volendovi raccontare questa bizzarra storia dobbiamo fare un’eccezione: ancora una volta la realtà ha eguagliato l’omonimo film (Fight Club), uscito nel 1999 e tratto dal romanzo di Chuck Palahniuk, è divenuto presto un cult per gli appassionati della settima arte.

Siamo in North Carolina: tre infermiere sono state accusate dal dipartimento di polizia di Winston-Salem per aver organizzato un fight club tra alcuni pazienti affetti da demenza in una casa di riposo.

A finire alla sbarra Marilyn Latish McKey, Tonacia Yvonne Tyson e Taneshia Deshawn Jordan: le tre sono state arrestate a inizio ottobre con le accuse di aggressione personale verso persone disabili.

Le autorità stavano indagando sulla Danby House dallo scorso Giugno, quando ricevettero una segnalazione per presunti abusi che avevano luogo all’interno della casa di riposo. Ad incastrare le tre ci sarebbe addirittura un filmato: le infermiere avrebbero ripreso lo scontro tra due donne, di 70 e 73 anni, entrambe con problemi di demenza senile, mentre se le davano di santa ragione.

Dall’audio si sentirebbero chiaramente le urla di incoraggiamento delle inservienti a combattere l’una contro l’altra. Nel video di questo vergognoso Fight Club si sente una delle due donne chiedere ripetutamente aiuto, rimanendo del tutto inascoltata dalle tre addette alla sicurezza delle pazienti.

Le tre ideatrici del Fight Club sono state licenziate dalla Danby House non appena sono emerse le prime accuse. Le tre infermiere adesso sono attese in tribunale dove rischiano una pena massima di 150 giorni di carcere. Chissà se davanti al giudice si avvarranno della facoltà di non rispondere asserendo la prima regola del Fight Club?

Lascia un commento