Il ritorno del Nintendo: il NES alla conquista del mondo

letture
Nessun commento
Nintendo Classic mini NES

La notizia era già trapelata questa estate ed ha trovato ben presto conferma dalla società giapponese: a trent’anni di distanza dall’esordio sul mercato il Nintendo Classic, probabilmente la console degli anni ‘80/90 più amata e diffusa sul pianeta ha fatto il suo trionfale ritorno sul mercato.

La piattaforma 8-bit per eccellenza è dall’11 novembre nuovamente disponibile nei negozi, giusto in tempo, guarda un po’,  per le festività natalizie. Il NES torna sul mercato  in un nuovo formato inedito. Si chiama Nintendo Classic Mini, si tratta di una replica in miniatura, che mantiene un design fedele all’originale, da collegare alla TV tramite il cavo HDMI fornito in dotazione. Nella confezione si trovano anche un cavo USB per l’alimentazione e un NES Controller per giocare, acquistabile anche separatamente.

Nintendo ha annunciato che “garantisce la piena compatibilità con i joypad tradizionali”. Non mancherà inoltre la funzionalità di salvataggio per i progressi in-game, così da non dover riprendere da principio (grande cruccio del primo NES) ogni volta che si riaccende la console. Per quanto riguarda il prezzo, la piattaforma è in vendita negli Stati Uniti a 59,99 dollari.

Non è tutto: Nintendo Classic Mini include 30 giochi già installati nella console;  sono i grandi classici senza tempo del catalogo NES, per dirne una. L’elenco completo? Balloon Fight, BUBBLE BOBBLE, Castlevania, Castlevania II: Simon’s Quest, Donkey Kong Donkey Kong Jr., DOUBLE DRAGON II: THE REVENGE, Dr. Mario, Excitebike, FINAL FANTASY, Galaga, GHOSTS’N GOBLINS, GRADIUS, Ice Climber, Kid Icarus, Kirby’s Adventure, Mario Bros., MEGA MAN 2, Metroid, NINJA GAIDEN, PAC-MAN, Punch-Out!! Featuring Mr. Dream, StarTropics, SUPER C, Super Mario Bros., Super Mario Bros. 2, Super Mario Bros. 3, Tecmo Bowl, The Legend of Zelda, Zelda II: The Adventure of Link. A poco più di venti giorni dallo sbarco del nuovo NES, le richieste hanno già fatto razzia dei magazzini: la corsa alla nostalgia è iniziata.

Lascia un commento