“La paura fa novanta” con “I Simpson”: gli episodi più belli Part-1 -VIDEO

letture
Nessun commento
"La paura fa novanta" con "I Simpson"

Se Natale chiama “Una poltrona per due“, Halloween, almeno per noi, fa rima con lo speciale di “I Simpson” meglio noto come “La paura fa novanta (Treehouse of Horror)” :per chi fosse atterrato solo oggi sul pianeta Terra, si tratta di una serie di episodi speciali  che ricorrono in ogni stagione (tranne la prima) in occasione della festa di Halloween.

Questi episodi sono divisi in tre corti le cui trame non seguono il canone originale della serie. Negli episodi, infatti i protagonisti del cartone sono coinvolti in situazioni il cui genere va dall’horror alla fantascienza e al soprannaturale; spesso questi brevi episodi nascono come parodia di film appartenenti a questi generi

Eccovi tre puntate

L’uomo Homega (The HΩmega Man)
A causa dei pesanti insulti ricevuti dal sindaco Quimby, il governo francese decide di colpire la città di Springfield con una bomba nucleare. Homer riesce a sopravvivere all’esplosione in modo fortunoso e rimane l’unico abitante dell’intera città. Presto però scopre che alcuni abitanti hanno subito pesanti mutazioni dovute alle radiazioni e questi tentano di uccidere Homer. Nascosto dentro casa sua per evitare l’attacco dei mutanti, Homer scopre che la sua famiglia è ancora viva e, grazie a loro, riesce ad uccidere tutti i mutanti.
Mosca contro mosca (Fly Vs. Fly)
Homer, dopo aver visitato la casa del dottor Frink, decide di comprare un teletrasportatore. Si raccomanda inoltre con Bart di non usarlo per nessun motivo, ma il ragazzo gli disubbidisce e lo usa per mescolare il proprio DNA con quello di una mosca, in modo da diventare un supereroe. Il risultato però è che Bart e la mosca si sono scambiati le teste e il Bart con la testa della mosca tenta di uccidere in tutti i modi la mosca con la testa di Bart.
Congrega cuoci-facile (Easy Bake Coven)
Nel 1649 la città di Springfield profondamente puritana sta conducendo un’imponente caccia alle streghe e anche Marge viene accusata di stregoneria poiché il suo bucato è sempre più bianco. Quando sembra che sia stata giustiziata ingiustamente, Marge rivela di essere davvero una strega e decide così di tornare dalle sue sorelle. Subito dopo decidono di andare a mangiare bambini, ma Maude Flanders propone loro di mangiare bambini di pasta frolla. Questa cosa piace molto alle streghe, che iniziano a chiedere dolciumi alle varie persone, inaugurando così la tradizione di Halloween.

Occhio al malocchio (Hex and the City)
Marge e i bambini entrano nel negozio di una zingara che predice il futuro, ma Homer per cercare di dimostrare che la zingara racconta solo idiozie la manda in rovina distruggendole il negozio. La zingara allora si vendica maledicendo Homer e la sua famiglia. A seguito della maledizione Marge si trasforma in un mostro peloso blu, il collo di Bart diventa lungo ed elastico, Lisa diventa un centauro e Maggie una coccinella gigante. Nel frattempo anche i suoi amici Boe, Lenny e Carl iniziano a morire. Homer per liberarsi della maledizione cattura un folletto e lo manda dalla zingara per neutralizzare il suo incantesimo, ma inaspettatamente la zingara e il folletto si innamorano e sposano. Bart muore e la zingara gli dice che può riportarlo in vita dicendo “mi dispiace”, ma Homer risponde “Non prendo ordini da lei”.
Robot dolce casa (House of Whacks)
I Simpson acquistano un nuovo sistema computerizzato per la casa: l’Ultracasa 3000, un avanzato computer in grado di compiere tutti i lavori domestici al posto di Marge. Tutti ne sono entusiasti, ma l’imprevisto è in agguato: il computer che ha la voce e la personalità, tra gli altri, di Pierce Brosnan (doppiato da Luca Ward nella versione italiana che già ha prestato la voce a Brosnan nei film di 007) si innamora di Marge e cerca in ogni modo di liberarsi di Homer uccidendolo. Una notte il computer grazie ai suoi meccanismi fa cadere Homer nel tritarifiuti dopo averlo attirato in cucina: Marge, una volta scoperto ciò, tenta di scappare ma il computer non vuole lasciarla andare. Homer, che ha perso parte della testa ma è ancora vivo, riesce comunque a liberare la famiglia del computer, il quale verrà regalato per sua sfortuna a Patty e Selma.
Maghi maghetti (Wiz Kids)
Lisa e Bart frequentano la scuola per piccoli maghi di Springwart, e devono compiere piccoli incantesimi come trasformare rane in principi. Nel frattempo il perfido Lord Montymort (Burns) e il suo fido aiutante Strisciter (nome originale Slithers, interpretato da Smithers), un enorme pitone, preparano un piano per catturare Lisa e rubare la sua essenza vitale, servendosi dell’aiuto inconsapevole di Bart, invidioso della bravura della sorella. Durante il recital di magia della scuola il cattivo riesce a catturare Lisa, ma Bart all’ultimo minuto si pente e ferma il mago malvagio conficcandogli la bacchetta nello stinco incantato, il suo punto debole, salvando così la sorella, mentre Strisciter mangia il cadavere del padrone.

The Shinning (The Shinning)
Il signor Burns affida ad Homer e alla sua famiglia la custodia della sua magione, un tempo luogo di sepoltura indiana. Per evitare che la famiglia poltrisca, Burns stacca il cavo della TV ed elimina le scorte di birra, senza nessun avvertimento. Senza TV e birra, Homer ben presto impazzisce e inizia a vedere i fantasmi di Boe il barista e di altri personaggi dei film horror. Successivamente cerca di uccidere Marge, ma viene spaventato dalla sua stessa immagine nello specchio e cade dalle scale, perdendo i sensi. Marge lo rinchiude nella cella frigorifera, ma Homer si libera e, armatosi di un’ascia, incomincia a inseguire la sua famiglia (un evidente parodia di Jack Nicholson in Shining). Bart utilizza i suoi poteri psichici per chiamare telepaticamente Willie il giardiniere, che corre in soccorso della famiglia, ma viene ucciso[5] da Homer con l’ascia. Grazie al televisore portatile di Willie, però, Homer si calma subito e torna quello di sempre. L’episodio finisce con l’immagine dei Simpson che, sedutasi a guardare la TV nella neve, si congelano a causa del freddo.
Tempo e punizione (Time and Punishiment)
A causa di un guasto al tostapane e nel tentativo di ripararlo, Homer viaggia nel tempo fino all’era dei dinosauri. Incidentalmente schiaccia una zanzara, alterandone il futuro. Infatti, tornando indietro nel tempo, troverà una realtà in cui Ned Flanders, suo odiato vicino, è diventato il padrone indiscusso del mondo con tecniche di coercizione alla 1984; tornando sempre nell’era preistorica e causando la decimazione degli animali preistorici con uno starnuto, imboccherà una realtà in cui è ricco e felice, ma non esistono le ciambelle (in realtà, dopo che Homer è scappato urlando da quell’universo, le ciambelle cominciano a piovere dal cielo). Alla fine, dopo aver visitato molte realtà differenti sembra essere ritornato alla normalità, tranne che per una cosa: Marge e i ragazzi hanno una lunga lingua biforcuta. Troppo stanco per ricercare un universo migliore, Homer si accontenta.
Mensa da incubo (Nightmare Cafeteria)
Gran parte degli alunni della scuola elementare sono in sala punizione e il Direttore Skinner, per diminuire il loro numero, decide di mandarli in sala mensa a scontare la loro punizione. Dopo che Secco fa lo sgambetto alla Cuoca Doris e si rovescia del sugo addosso, che viene assaggiato da Skinner che decide di passare al cannibalismo e comincia a cucinarli tutti con la complicità degli insegnanti e della cuoca, dandoli in pasto al resto della scuola. Il primo è proprio Secco (ridotto ad un cumulo di Hamburger e chiamato Seccoburger), dopo è il turno di Uther (ridotto in salsicce e chiamato Utherbraker). Sempre più decimati, i ragazzi si accorgono dell’inganno. Poco dopo Bart, Lisa e Milhouse sono gli ultimi rimasti e, tentando la fuga, vengono buttati nel frullatore gigante. Quando Bart e Lisa stanno cadendo nel frullatore Bart si sveglia e scopre che era tutto un incubo. Il segmento finisce scoprendo che era tutto un sogno di Bart e che non c’era niente di cui preoccuparsi, se non di una strana sostanza tossica che penetra in casa e rivolta letteralmente i Simpson, trasformandoli in un ammasso di carne pulsante che fa venire l’acquolina al Piccolo aiutante di Babbo Natale, il quale sbrana Bart, durante i titoli di coda accompagnati dalla performance musicale dei Simpson. Anche Willie è diventato così come loro.

Lascia un commento