Torna La Signora in Giallo (ed avrà un canale tematico tutto per lei)

letture
Nessun commento
Jessica Fletcher

L’abbiamo amata tutti eppure, ad un certo punto, quando la nominiamo, la guardiamo, si sente l’impulso irresistibile di toccare ferro (i più lussuriosi anche altre parti anatomiche): “non è che questa qui porta un filino sfiga?”. Tranquilli, ce lo siamo questi un po’ tutti. Anche perché quanti abitanti ci saranno mai a Cabot Cove? Possibili che ci sia la stessa percentuale di morti ammazzati che ad Aleppo? Si, stiamo parlando dell’unica, inimitabile Jessica Fletcher, nota a tutti come ‘La signora in giallo”.

Ebbene, dal 1° aprile (No, nessun scherzo), dopo una lunga assenza Angela Lansbury tornerà con le prime 5 stagioni de La Signora in Giallo. Dove? Sul canale di FoxCrime +2 (canale 143 di Sky).

La Signora in Giallo è un cult su scala mondiale: una serie televisiva statunitense di genere investigativo, ideata da Peter S. Fischer, Richard Levinson, William Link (andò in onda settimanalmente sulla CBS dal 1984 al 1996, dopo la conclusione, vennero girati quattro film TV, messi in onda fra il 1997 e il 2003. La serie rivive oggi nella collana di romanzi scritti da Donald Bain e nel gioco per PC distribuito nel 2009 dalla Legacy Interactive).

Fu nominata più volte nella categoria Miglior serie drammatica, totalizzando due premi ai Golden Globe su sei candidature, ma nessuna vittoria agli Emmy Award, nonostante due candidature. Angela Lansbury fu candidata ad un totale di dieci Golden Globe e dodici Emmy Award per la sua interpretazione ne La signora in giallo, detenendo tutt’oggi il record per il maggior numero di nomination nelle categorie Miglior attrice (Golden Globe) e Migliore serie drammatica (Emmy Award).

Il plot era semplice ma funzionale: la serie si svolgeva raccontando la vita quotidiana di un’insegnante d’inglese in pensione, Jessica B. Fletcher, che, dopo essere rimasta vedova intorno ai cinquant’anni del marito Frank (ma guarda un po’!) diventa quasi per caso una scrittrice di successo. Nonostante la fama e la fortuna ottenute, Jessica continua a vivere una vita semplice e salutare, risiedendo nel piccolo paese di Cabot Cove, sulla costa del Maine, e coltivando le sue vecchie amicizie, che la portano spesso in giro per il mondo (ovvero, dopo aver decimato la popolazione della contea, aveva esportato la sfiga un pò in tutto il mondo)

Si perché la trama della serie era caratterizzata dal continuo, incessante, perpetuo, verificarsi di assassinii ed omicidi che risvegliano l’insaziabile curiosità della protagonista, che poi venivano risolti dalla stessa Jessica. I miei personaggi preferiti erano però Amos Tupper e Mort Metzger, gli sceriffi di Cabot Cove che, volenti o nolenti, dovevano ‘sopportare’ le intromissioni di Jessica. E poi c’era il finale: un fermo immagine sul viso sorridente della protagonista, apparentemente solare e rassicurante (?). Volete sapere il mio modesto parere? Satana è donna ed ha il volto della Signora in Giallo.

Lascia un commento