Chi era veramente Gozer il Gozeriano? -VIDEO e FOTO

Gozer il Gozeriano

Tra i personaggi più iconici degli anni ’80 un posto d’onore spetta di diritto a Gozer il Gozeriano. Divinità sumera del 6000 a.C., antagonista dei Ghostbusters nell’onomio primo capitolo della saga, che si auto annunciava più o meno così: “Subcreature! Gozer il Gozeriano, Gozer il Distruggitore, Molvus! Gildroar! Il Viaggiatore è giunto, scegliete e perite!

Dietro il make up si celava Slavitza Jovan, attrice serba classe 1958 che in quegli anni si era trasferita a Los Angeles per lavorare come modella. Prese parte alle audizioni e si aggiudicò il ruolo della cattivona del film. Chissà se ai tempi sapeva che si stava ritagliando una nicchia di immortalità nella storia del cinema.

(Leggi anche: Morto suicida a 28 anni Henry Deutschendorf, era il piccolo Oscar in Ghostbusters)

Gozer

LA CARRIERA DI Slavitza Jovan

Va detto che, dopo quel ruolo, il mondo della celluloide le riservo ben poche altre soddisfazioni e parti di primo piano. Lo stesso anno, il 1984, prese parte a “Omicidio a luci rosse” di Brian De Palma dove interpretava la commessa. Nel 1988 prese parte a Tapeheads, regia di Bill Fishman, dove recitò con John Cusack e Tim Robbins. Nel 1990 recitò in The Judas Project, pellicola sconosciuta o quasi in Italia.



Nel 1999 ha partecipato nel ruolo dell’infermiera horror in Il mistero della Casa sulla per poi non recitare più fino al 2015 in Knight of Cups di Malick nel ruolo della cartomante. Per il resto qualche compassata in serie tv statunitensi e poco altro.

bio-slavitza-jovan

Slavitza Jovan ed il trucco per interpretare GOZER

Molto impegnativo era il trucco a cui si dovette sottoporre per interpretare Gozer nelle tre settimane in cui girò le sue scene: ci volevano svariate ore a preparare il make up e di capelli. Le lenti a contatto rosse potevano essere indossate ad intervalli di 20 minuti e la tutina attillata era un vero inferno, soprattutto per via delle temperature degli Studios. In termini di acrobazie, Jovan ne ha fatte alcune, ma l’elaborato doppio salto è stato completato più tardi in post-produzione da una stuntman. Durante le riprese, Jovan era timida e riservata. A volte altri attori la prendevano in giro e dicevano cose come “Che donna pericolosa”.

Slavitza Jova - Gozer -1

Lascia un commento