Tutto quello che non sapete su Renegade – Un osso troppo duro

renegade

Tra le pellicole più sottovalutate di Terence Hill non possiamo non citare Renegade – Un osso troppo duro film di E.B. Clucher del 1987 che vede come co-protagonista il compianto figlio figlio Ross Hill, morto tragicamente qualche anno dopo  aver preso parte alla pellicola.

Ross Hill, pseudonimo di Ross Girotti, era il figlio adottivo di Terence Hill e fratello minore di Jess Hill e prese parte insieme al padre in due film ( oltre a Renegade prese parte al Don Camillo di Terence Hill del 1983). Il ragazzo alternava i suoi impegni di studente a quelli d’attore. Era infatti agli inizi d’una promettente carriera, e proprio in quel periodo si stava preparando ad interpretare il ruolo di Billy the Kid in uno degli episodi della serie Lucky Luke che il padre, nel doppio ruolo di regista e protagonista, aveva iniziato a girare a Santa Fe. Ross, oltre all’inglese, parlava molto bene l’italiano e il tedesco. Studiava nel prestigioso Middlesex College di Concord a 30 km da Boston-

La tragedia si consumò i 30 gennaio 1990; il giovane, dopo aver passato il fine settimana in famiglia, tornava in auto verso il college con il suo amico Kevin Lehmann, di Beaumont. Durante il tragitto l’auto, guidata da Ross, finì su una lastra di ghiaccio formatasi sulla strada e, sbandando per circa venti metri, si schiantò contro un albero. Ross rimase ucciso sul colpo, mentre Kevin morì la sera stessa in ospedale. L’incidente era avvenuto a Stockbridge, nel Massachusetts; entrambi avevano 16 anni.

La prematura e violenta scomparsa provocò nel padre una crisi che lo avrebbe portato a rallentare i ritmi della sua carriera per tutti gli anni novanta: ai ragazzi avrebbe dedicato la sua serie televisiva Lucky Luke, con la frase «L’amore è eterno».

Renegade – Un osso troppo duro

Il film è in realtà un godibilissimo road movie che regala delle realistiche e spettacolari cartoline degli USA degli anni ’80. Degna di menzione anche la colonna sonora che venta pezzi memorabili.

La Trama di Renegade – Un osso troppo duro

“Renegade” Luke attraversa l’America con la sua Jeep e col suo cavallo Joe Brown, quando il suo vecchio amico Moose, ingiustamente rinchiuso in carcere, lo chiama per affidargli il figlio adolescente Matt. Moose gli chiede anche di aiutarlo a prendere possesso di un suo terreno, difendendolo dalla minaccia di Henry Lawson, un losco affarista che sta cercando di impadronirsi di tutta una vallata incontaminata.

Colonna sonora



La colonna sonora comprende alcune canzoni dei Lynyrd Skynyrd tra cui la bellissima Simple Man e Call Me The Breeze, ed un brano di Nicolette Larson dal titolo Let me be the one.

Le location

E.B. Clucher altro non è che lo pseudonimo di Enzo Barboni (1922-2002): il regista e sceneggiatore (che ha lavorato su molti film della coppia artistica composta da Bud Spencer e Terence Hill tra cui Lo chiamavano Trinità… (1970), …continuavano a chiamarlo Trinità (1971), Anche gli angeli mangiano fagioli (solo Bud) (1973), I due superpiedi quasi piatti (1977), Nati con la camicia (1983)
Non c’è due senza quattro (1984)

Il riferimento a Rambo

Il protagonista ad un certo punto confessa ai vicini che suo figlio è un fan di Rambo. Terence Hill ra tra i papabili per interpretare appunto il reduce del Vietnam più famoso del mondo ma rifiutò la parte poi andato a Sylvester Stallone.

Luigi Bonos portafortuna


Nel cast figura anche l’attore Luigi Bonos, una vera e propria costante di svariati film di Terence Hill e o Bud Spencer tra cui «Uno sceriffo extraterrestre… poco extra e molto terrestre” (era lo sceriffo), il meccanico navale di “Lo chiamavano Bulldozer” e l’oste di “Lo chiamavano Trinità...”. Tra le pellicole più note recitate con altri artisti si può ricordare il simpatico ruolo del dottor Schnautzer in L’esorciccio, nella quale è al fianco di Ciccio Ingrassia e Lino Banfi.

Bikers veri

Per girare la memorabile scena dei biker che scendono lungo la collina sono stati reclutati più di 100 veri motociclisti.

Lascia un commento